Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Inquietante, invece, appare la discrasia rispetto alle linee guida emanate dall'assessore Russo nel 2010 che, nel determinare la dotazione organica, assegnavano all'A.O.O.R. Papardo-Piemonte, 326 medici, 750 infermieri e 120 O.S.S.
Al 31/12/2012 il personale era così determinato: medici 421, infermieri 701 e solo 17 O.S.S. Quindi un'eccedenza di 95 medici ed una carenza di 152 unità dedicate all'assistenza diretta ai pazienti (- 49 infermieri e - 103 O.S.S.).
7.800.000 € circa spesi per i 95 medici in esubero. Ben 4.000.000 di € in più rispetto agli ipotizzati 3.800.000 che sarebbero bastati ad assumere 152 tra infermieri ed O.S.S. invece di lasciare i cittadini in condizioni di notevole disagio e le UU.OO. in "AUTODETERMINAZIONE", che in buona sostanza significa "cavatevela come meglio potete e non disturbate oltre"…
A volte l'ingerenza della politica con la p minuscola ha portato il sistema - sanità a un punto di non ritorno, ove i famigerati "tagli" sono diventati ormai insopportabili.
Per scongiurare in extremis la chiusura dei posti letto e l'azione prevaricatrice sugli infermieri, che per godere di pochi giorni di ferie sono costretti, in alcuni casi, ad accettare turni massacranti per coprirsi a vicenda o addirittura cambi di reparto a dir poco "stressanti", il sindacato Nursind attraverso il suo segretario aziendale, aveva chiesto l'applicazione della direttiva assessoriale del 24.6.14 che prevede la possibilità di assumere infermieri a tempo determinato, ma la risposta laconica del commissario è stata: "non possiamo, dobbiamo rispettare la massa finanziaria"...
In altre parole, si chiudono posti letto e si creano disagi gravi ai cittadini ed al personale e si spendono 4.000.000 di euro circa per garantire gli esuberi!!

Ad Majora

   
ADSL, Linea Base inclusa e Chiamate senza limiti
© Nursind Messina